Fratelli Navarra

Dalla tradizione
del passato:
una storia di esperienze

Dal 1999 è presente intensamente e prestigiosamente nel settore del restauro monumentale, della manutenzione programmata e preventiva delle opere d’arte e dei beni architettonici.

Sono stati moltissimi gli interventi, tutti molto diversificati sia quanto a tipologie tecniche, sia per i relativi contesti territoriali, sia per le esigenze funzionali del dopo recupero. Per esempio, Villa Scheibler a Milano; a Roma l’Hotel de Russie, il Palazzo Kock, il Palazzo del Clementino in Piazza Esedra e il Palazzo di Propaganda Fide.

A Bologna la Manifattura delle Arti al DAMS; a Torino la Stazione di Porta Nuova; a Genova il Palazzo Ducale; a Napoli il Real Albergo de’ Poveri; e, ancora, molteplici interventi conservativi a L’Aquila.

Fra le tante iniziative realizzate, alcune sono state particolarmente significative per l’importanza del loro contesto storico, tecnico,territoriale, come per esempio: Piazza San Pietro a Roma, Basilica di Sant’Antonio a Padova, Palazzo della Ragione a Verona, Castello Sforzesco a Milano, Villa Reale a Monza, La reggia di Caserta e il parco archeologico di Pompei.

Certificazioni e attestazioni

Le Certificazioni della Fratelli Navarra, oltre a rappresentare una maggiore garanzia di affidabilità attraverso lo sviluppo di un sistema organizzativo orientato alla gestione ambientale, costituiscono un importante tassello verso un sistema di gestione aziendale ispirato a criteri di sostenibilità.

 

Attestazione SOA ISO 9001 ISO 14001 ISO 45001 UNI ISO 37001 SA 8000

Modello di Organizzazione, gestione e controllo

Il Consiglio di Amministrazione in data 10/12/2021 ha deliberato in merito all’aggiornamento del Modello Organizzativo ex D.Lgs 231/2001.

Il D.Lgs 231/2001, ha istituito la responsabilità amministrativa dell’ente per reati posti in essere da amministratori, dirigenti e/o dipendenti nell’interesse o a vantaggio dell’ente stesso. Si tratta di una responsabilità aggiuntiva rispetto a quella della persona fisica che ha commesso un reato di quelli espressamente previsti dal citato D.Lgs 231/2001 e può essere esclusa ai sensi dell’art. 6, comma 1, se, fra gli altri, è stato adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto illecito, un Modello Organizzativo idoneo a prevenire i reati della specie di quello verificatosi.

La volontà di Fratelli Navarra di applicare le regole e le previsioni contenute nel Modello Organizzativo adottato, trovano concretezza, in particolare, nelle attività di informazione e formazione in quanto:

– rappresentano uno strumento per l’efficace attuazione del Modello Organizzativo;

– costituiscono una prova reale della volontà di Fratelli Navarra di essere parte attiva nella prevenzione dei reati di cui al D.Lgs 231/2001;

– stimolano la cooperazione nella effettiva realizzazione dell’obiettivo di legalità.

Whistleblowing

In conformità al D.lgs. 24/2023 (disciplina a tutela del “whistleblowing”) è possibile effettuare segnalazioni attraverso il seguente link.

Si precisa che i dati comunicati saranno trattati secondo i canoni di riservatezza richiesti dalla citata disciplina, nonché conformemente a quanto stabilito dalla normativa europea e nazionale sul trattamento dei dati personali.

 

INOLTRO E GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI

Politica Aziendale per la Prevenzione alla Corruzione

Whistleblowing (Segnalazioni 231-37001)
Fratelli Navarra S.r.L. intende contribuire attivamente alla lotta alla corruzione adottando un Sistema di Gestione per la Prevenzione della Corruzione secondo i requisiti indicati dalla norma UNI ISO 37001:2016 e con l’impegno di tutto il personale a creare una cultura basata su integrità, trasparenza, onestà e conformità alle leggi.
Il Sistema di Gestione per la Prevenzione della Corruzione implementato , infatti, è rappresentato da un insieme di attività disegnate ed attuate con approccio integrato e sinergico, finalizzato al miglioramento continuo delle performance e dal contenimento dei rischi di corruzione anche operando in sinergia con gli altri strumenti di compliance già integrati dall’azienda nel Modello di Organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. n. 231/2001.

Per il monitoraggio della corretta attuazione del Sistema di Gestione per la Prevenzione della Corruzione è stata designata la Funzione di Conformità per la Prevenzione della Corruzione, attualmente in capo al team composto dalla Dr.ssa Cecilia Felicetti, dalla Dr.ssa Valentina Sbaraglia e dal Dr. Andrea Meoli, con il quale è possibile comunicare tramite il seguente indirizzo email: ISO37001@fratellinavarra.it.

 

Politica Aziendale per la Prevenzione alla Corruzione

Fratelli Navarra S.r.L. ha definito la propria Politica riguardo la Prevenzione della Corruzione, che comprende:

– Il rigoroso e pieno rispetto della legislazione vigente in materia di prevenzione e contrasto della corruzione, in Italia e in qualsiasi Paese dove Fratelli Navarra S.r.L. si trovi ad operare;

– Il divieto assoluto di porre in essere comportamenti che possano configurarsi come corruzione o tentativo di corruzione;

– L’identificazione, nell’ambito delle proprie attività, delle aree di rischio potenziale ed individuazione ed attuazione delle azioni idonee a ridurre/minimizzare i rischi stessi;

– L’impegno a programmare ed attuare le proprie politiche e le proprie azioni in maniera da non essere in alcun modo coinvolti in fattispecie o tentativi di natura corruttiva e a non rischiare il coinvolgimento in situazioni di natura illecita con soggetti pubblici o privati;

– L’attività di sensibilizzazione presso i soci in affari affinché adottino, nelle attività di specifica competenza, politiche ed azioni per la prevenzione dei fenomeni corruttivi;

– La sensibilizzazione e formazione dei propri dipendenti e dirigenti alle tematiche della prevenzione del fenomeno corruttivo;

– Modalità di segnalazione, a mezzo Web, di comportamenti illeciti o in violazione della Politica Anticorruzione e/o del Modello 231, direttamente verso la Funzione di Conformità per la Prevenzione della Corruzione e/o l’Organismo di Vigilanza 231 (a seconda dei casi), di sospetti in buona fede, o sulla base di una convinzione ragionevole, senza il timore di ritorsioni;

– Il perseguimento di qualsiasi comportamento non conforme alla politica per la prevenzione della corruzione con l’applicazione del sistema sanzionatorio dell’organizzazione, già in vigore da anni ai fini dell’attuazione del Modello 231;

– La presenza di una funzione di conformità per la prevenzione della corruzione, cui viene garantita piena autorità e indipendenza;

– L’impegno al miglioramento continuo delle attività di prevenzione della corruzione, grazie alle attività di monitoraggio stabilite in seno al Sistema di Gestione per la Prevenzione della Corruzione realizzato ai sensi della Norma UNI ISO 37001:2016.